domenica 6 luglio 2008

Le cuoche che volevo diventare


La parola chef non ha femminile. Ma se nessuna donna è chef, allora tutte sono cuoche: stellate o no, si raccontano alla pari attraverso il cibo che cucinano. E in questo piacevolissimo libretto parlano attraverso le parole di Roberta Corradin, giornalista e scrittrice e soprattutto appassionata di cucina.

Conosciamo così sia cuoche famose come Nadia Santini o Alice Waters o emergenti come Loretta Fanella, sia sconosciute che da un capo all'altro del mondo cucinano con passione.
Ed è proprio l'amore e la passione che mettono nei piatti che preparano che accomunano tutte, famose e sconosciute, giovani e vecchie, italiane e americane.
E tra una chiacchiera e l'altra, come tra vecchie amiche, ci regalano anche qualche trucco e qualche ricettina da provare a casa.

1 commento:

domulas ha detto...

E'sorprendente la nostra sintonia: 3 giorni fa, gironzolando per una libreria di Sampierdarena, ho comprato questo libro!
e ho appena finito "La cena delle meraviglie". A proposito, potremmo provare a fare qualcuna delle ricette proposte: io sono attratta dal timballo di pasta.
Buona estate, Donatella